• 001
  • 01
  • 004
  • 06
  • 16
  • 14
  • 005
  • 11

data

stemma-S.-GIORGIOLa manifestazione è promossa dal Comune di San Giorgio la Molara per la Valorizzazione e la Promozione della carne a marchio di alta qualità razza Marchigiana del Fortore.


AGRITURISMI

 

Foto Agriturismo Castello

Agriturismo Castello

c/da castello 09
82020 - S.Giorgio La Molara (Benevento)
Tel. 0824983419 - Fax. 0824983419
E-mail. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Web. www.agriturismocastello.it

 

 

Country House Caretti Salvatore

caretti

C/da Santa Varva, 1
San Giorgio la Molara (BN)
tel. 0824/983539
cell. 339/5701153
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
w
eb: www.agricaretti.it

 

 

B B


DOLCE RISVEGLIO

 

IL BELVEDERE

Piazza Piccola
San Giorgio la Molara (BN)
Tel. 3391380498

 

CASA D'ARCHI

PER INFO DETTAGLIATE CLICCA QUI 

 

CICCARELLO GIORGIO

Via Ortopedico, 2
San Giorgio la Molara (BN) 
Tel. 0824 983624

 

RISTORANTI


RISTORANTE SAN GIORGIO

Contrada Maddalena
San Giorgio la Molara (BN) 
Tel. 0824 983288

 

TRATTORIA DE CICCO

C.da Forlito
San Giorgio la Molara (BN) 
Tel. 0824 983862

 

 

LOCANDA "TERRA & PANE"

 

Via C. Iazeolla
San Giorgio la Molara (BN) 
Tel. 338 1400044

 

 

 

QUALITA' E COMPOSIZIONE

tipi-di-carne


Il vitellone possiede la carne più succulenta, nutriente e fortificante e la sua carne migliore si riconosce dal colore rosso vivo, dalla grana fine, consistente, contemporaneamente soda ed elastica la tocco, dalle piccole infiltrazioni di grasso (bianche o leggermente biancastre) che solcano la massa muscolare e dallo spessore esteriore del grasso, di colore bianco o giallo chiaro, che ricopre la superficie del dorso e dei lombi.

Queste sono qualità che derivano dalla razza dell'animale e dal regime alimentare durante il periodo di ingrassamento.

Il 74% delle carni magre è costituito da acqua, il resto da proteine di alto valore biologico per la presenza di notevoli quantità di aminoacidi essenziali (fenilananina, istidina, isoleucina, leucina, lisina, metionina,teronina, triptafano, valina) che, a causa della mancata produzione da parte dell'organismo, devono essere assunti attraverso la dieta (solo la fenilananina è scarsamente rappresentata).

Per quanto riguarda il contenuto in grassi, la carne ne contiene in media il 3%, variando da un minino dello 0.5 % ad un massimo del 7 % mentre la carne I.G.P. presenta valori medi del 2%. Importante pregio della carne è il suo contenuto in ferro, in forma perfettamente assorbibile dall'organismo.

Questo minerale è presente sia nei vegetali che nella carne; tuttavia quello contenuto in quest'ultima è più facilmente assimilabile poiché inserito in parte in un piccolo composto organico, detto "eme", che viene utilizzato direttamente, senza ulteriori elaborazioni, nella forma dell'emeglobina.

Inoltre il ferro contenuto nella carne aiuta l'assorbimento intestinale del ferro contenuto in altri cibi.

 

carne

 

COMPOSIZIONE CHIMICA DELLA CARNE BOVINA (Vitellone) grammi per ogni 100 grammi

Acqua 74 
Protidi 23 
Lipidi 2 
Glucidi 1 
Calorie Kcal 116.8

I TAGLI DI CARNE BOVINA

costata

 

 

 

 

 

 

COSTATA

E’ un taglio che risente, per la sua individuazione, degli usi e consuetudini locali. Il taglio reale può essere accorpato inferiormente con il petto e dorsalmente con le costate. E’ consigliato per: arrosto, spezzatino, bollito, stufato.

 

Sottospalla

 

 

 

 

 

 

SOTTOSPALLA

E’ un taglio che presenta un aspetto rettangoliforme la cui individuazione avviene dopo l’esportazione della spalla, del petto e costata, del collo.
E’ consigliato per: bollito

   

Punta-di-Petto

 

 

 

 

 

 

PUNTA DI PETTO

E’ un taglio unico costituito da due porzioni: la punta nella parte anteriore e il fiocco nella parte posteriore.
E’ consigliato per: bollito, arrosto, ripiena.

 

il pancettone

 

 

 

 

PANCETTONE

E’ un taglio unico che comprende la regione dell’addome vero e proprio ed in parte la regione del costato. L’individuazione di questo taglio dipende dal tipo di macellazione tradizionale o industriale del quarto. E’ consigliato per: spezzatino, bollito, stufato.

il roast beef

 

 

 

 

ROAST BEEF

Per l’individuazione è necessario considerare la suddivisione della mezzena in modo tradizionale (6 – 8 costole) o in maniera industriale (5 costole).
E’ consigliato per: carne alla griglia.

il collo

 

 

 

 

COLLO

E’ consigliato per: spezzatino, stufato.

la polpa di spalla

 

 

 

 

POLPA DI SPALLA

E’ consigliato per: brasato, stufato.

il girello

 

 

 

 

GIRELLO DI SPALLA

E’ un taglio che si presenta con una configurazione geometrica a tronco di cono appiattito.
E’ consigliato per: cotolette, brasato, stufato.

il cappello di prete

 

 

 

 

CAPPELLO DI PRETE

Questo taglio è contiguo al girello, al fesone e in basso, al muscolo di spalla.
E’ consigliato per: brasato, stufato.

 

il fesone di spalla

 

 

 

 

FESONE DI SPALLA

E’ un taglio situato tra l’articolazione scapolo omerale e il sottospalla.
E’ consigliato per: bollito, stufato.

l'osso buco di spalla

 

 

 

 

OSSO BUCO DI SPALLA

E’ un taglio costituito dalla regione dell’avanbraccio.
Ha rapporti distalmente con il carpo e prossimamente con il gomito e con il braccio.

il muscolo posteriore

 

 

 

 

MUSCOLO POSTERIORE

E’ un taglio costituito dalla regione delle gambe posteriori in corrispondenza della tibia.
E’ consigliato per: Ossi buchi.

il callo del campanello

 

 

 

 

CALLO DEL CAMPANELLO

Per l’individuazione di questo taglio è necessario isolare il tendine di Achille e scollare le masse muscolari che in parte abbracciano la fascia posteriore della tibia.
E’ consigliato per: stufato.

il girello

 

 

 

 

GIRELLO

E’ un taglio anatomico che occupa il margine posteriore della coscia, a diretto contatto con la fesa e la sottofesa. E’ consigliato per: arrosto, tonnato, cotolette, alla pizzaiola.

  

la culatta

 

 

 

 

CULATTA

E’ un taglio che occupa la regione laterale e posteriore della coscia.
E’ consigliato per: cotolette, brasato, bollito.

lo scamone

 

 

 

 

SCAMONE

E’ consigliato per: fettine, carne alla griglia.

il fianchetto

 

 

 

 

FIANCHETTO

E’ un muscolo a diretto contatto con la noce e con lo scamone.
E’ consigliato per: bollito.

la noce

 

 

 

 

NOCE

E’ un taglio che si sviluppa intorno al femore per tutta la sua lunghezza e la rotula in posizione distale. Confina con il fianchetto, lo scamone, la sottofesa ed internamente con la porzione laterale della fesa. E’ consigliato per: scaloppine, al forno, fettine, arrosto.

la fesa

 

 

 

 

FESA (O ROSA)

E’ un taglio cheoccupa interamente la regione interna della coscia.
E’ consigliato per: fettine, scaloppine, arrosto.

il filetto

 

 

 

 

FILETTO

E’ un taglio che occupa la volta della regione lombo-sacrale: la parte posteriore (testa) è a contatto con lo scamone, la parte mediana (corpo) e anteriore (coda) sono tutte le vertebre lombari e dorsali. E’ consigliato per: ai ferri, crudo, bourguignonne.

il sottofiletto

 

 

 

 

SOTTO FILETTO
E’ un taglio che si ricava partendo dal limite dello scamone, lungo una linea parallela alla colonna vertebrale fino alla ottava costola nel taglio tradizionale e fino alla quinta nel taglio industriale. E’ consigliato per: bistecche, costate con osso.

DA VEDERE....

ImmPalazzoMuscetta

 

Il Palazzo Muscetta (sito in Largo Purgatorio) di epoca settecentesca,
di proprietà  dell’omonima famiglia fu poi donato al Comune,
che ha provveduto al suo restauro negli anni  ’90
con l’annessa chiesetta del Purgatorio

ImmCastelloIazeolla

Il Castello Iazeolla (in Piazza San Pietro) di epoca cinquecentesca,
a pianta quadrangolare, con torri, contrafforti e spalti a due cortili interni.

ImmContradaCastello

 

I "ruderi del castello" (in contrada Castello) che,
pur non conservando quasi nulla dell’originario impianto,
costituisce certamente un’emergenza paesaggistica di notevole interesse.

ImmConventoDominicani

 

Il Convento di San Francesco del ‘400 (in Via Carlo Iazeolla),
in cui è conservata una statua lignea del Cristo, risalente al ‘500.

 

 

 

lago

Il lago Mignatta adagiato tra le verdi colline del Fortore e posto a circa 900mt sul livello del mare, 
raccoglie le acque provenienti dai terreni circostanti ed è circondato da numerosi impianti eolici,
vista la costante presenza di vento. Il fondale del lago è principalmente melmoso
e il colore dell'acqua è quasi sempre sul grigio-verde.

 

 

 

 

 

 

NAVETTADurante le due serate della manifestazione è previsto un SERVIZIO NAVETTA con partenza da via Sant'Ignazio e Via Airella ogni 15/20 minuti con arrivo al luogo della Manifestazione. Clicca qui per vederne il percorso.
 
 
wifi

contattiI NOSTRI CONTATTI

COMUNE                                0824 988301

 

 

 

 

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.